Daniel Gonzàlez
in BienNolo 2021. Nunc est bibendum, nunc pede libero
pulsanda tellus

L’acronimo NoLo (“a Nord di piazzale Loreto”) è recentemente entrato a far parte dell’elenco ufficiale degli 88 Nuclei di identità locale (Nil) della città, in seguito a una decisione del Consiglio Comunale del 19 febbraio 2019. Nell’immaginario milanese NoLo era – e per certi versi è ancora – un quartiere difficile: tuttavia, anche grazie al toponimo, il distretto ha puntato su un tono decisamente cool.

Nasce così la prima Biennale d’arte contemporanea di NoLo, che si presenta come uno spazio d’arte temporaneo, urbano, metropolitano, centrale e periferico contemporaneamente.

Daniel González presenta Mylar Works, opere che festeggiano ogni momento della vita. Nell’atto del festeggiare si crea uno spazio di libertà: si beve e si mangia oltre il comune, si balla e si fanno azioni che non si farebbero tutti i giorni. I Mylar Works vogliono commemorare ogni instante della nostra esistenza, dal piacere di stare vivi alla magia di ritrovare il sole ogni mattino quando ci svegliamo.

Il mylar, che normalmente è utilizzato per le tende dei teatri di Broadway, e per impacchettare caramelle, è un materiale resistente ed economico che permette di maneggiare la luce stessa come materia prima. I suoi riflessi sono protagonisti di due livelli della nostra esistenza: il mondo materiale e la sfera spirituale. Come nei fondi dorati delle icone orientali, ma con una leggerezza concettuale e fisica, le superfici vibranti e seducenti dei Mylar Works mettono in primo piano il piacere visivo, e smentiscono la gravità e la profondità intellettuale del loro soggetto. Mylar Wall Retrospective raccoglie un viaggio immaginario attraverso 14 anni di lavori realizzati con questo particolare materiale.

The acronym NoLo (‘north of Piazzale Loreto’) has recently become part of the official list of the city’s 88 Nuclei di identità locale (Nil), following a decision by the City Council on 19 February 2019. In the Milanese imagination, NoLo was – and in some ways still is – a difficult neighbourhood: however, thanks in part to the toponym, the district has set a decidedly cool tone.


This is how the first NoLo Biennial of Contemporary Art was born, presenting itself as a temporary, urban, metropolitan, central and peripheral art space at the same time.


Daniel González presents
Mylar Works, works that celebrate every moment in life. In the act of celebrating, a space of freedom is created: drinking and eating beyond the ordinary, dancing and doing actions that one would not do every day. The Mylar Works want to commemorate every moment of our existence, from the pleasure of being alive to the magic of finding the sun every morning when we wake up.


Mylar, which is normally used for curtains in Broadway theatres and for wrapping candy, is a durable and inexpensive material that allows light itself to be handled as raw material. Its reflections are the protagonists of two levels of our existence: the material world and the spiritual sphere. Like the golden backgrounds of oriental icons, but with a conceptual and physical lightness, the vibrant and seductive surfaces of the Mylar Works bring visual pleasure to the fore, and belie the gravity and intellectual depth of their subject. Mylar Wall Retrospective collects an imaginary journey through 14 years of works made with this particular material.

Dates
01.10.2021 – 10.10.2021


Location
NoLo, Via Ugo Bassi, 32, 20159, Milano IT


Our artist
Daniel Gonzàlez


More info